L’Aspromonte in bianco e nero. I bambini

Scritto da redazione il . Pubblicato in Aggiornamenti, Paesi abbandonati

UA269_007

Tags: , , ,

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Boschi d’Aspromonte (le risposte dell’esperto)

Biodiversità. La liquirizia, un’autentica risorsa

Biodiversità. La liquirizia, un’autentica risorsa

di Leo Criaco

Nella fascia costiera e collinare dell’Aspromonte, soprattutto sul versante orientale, vegetano alcune specie botaniche testimonianza delle coltivazioni del passato lontano e vicino. La liquirizia, il gelso (coltivato per l’allevamento del baco da se[...]

Biodiversità. I fichi: alimenti da montanari

Biodiversità. I fichi: alimenti da montanari

di Leo Criaco

A cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, lentamente ma inesorabilmente inizia il declino dell’economia agricola, e contemporaneamente incomincia il boom economico. In quel periodo storico, le popolazioni dell’entroterra e delle ca[...]

Le biodiversità. Boschi di more, fragole e lamponi

Le biodiversità. Boschi di more, fragole e lamponi

di Leo Criaco

   Nelle foto: le more selvatiche, i lamponi e le fragole selvatiche Quando le campagne e le montagne dell’Aspromonte erano ancora popolate, le nostre popolazioni aspettavano con gioia e speranza la maturazione e la raccolta della frutta (mele, per[...]

L’Amendolea, il fiume degli antichi greci

L’Amendolea, il fiume degli antichi greci

di Leo Criaco

Una delle caratteristiche più salienti del nostro massiccio montano è la presenza (specialmente sul versante orientale) di numerose e meravigliose fiumare che solcano e modellano i nostri territori. Le fiumare sono dei corsi d’acqua lunghi poche de[...]

Biodiversità. Gli

Biodiversità. Gli "zzinurri", i carciofini selvatici

di Leo Criaco

Ogni anno, a partire dalla seconda decade di aprile le nostre rigogliose campagne, soprattutto quelle dell’Area grecanica e della bassa Locride (fascia costiera e collinare compresa tra le fiumare Amendolea e Bonamico) diventano meta continua di un[...]

Biodiversità. Le orchidee, “gioielli” da non toccare

Biodiversità. Le orchidee, “gioielli” da non toccare

di Leo Criaco

L’Aspromonte, grazie alla sua particolare conformazione topografica e morfologica, ha conservato nel tempo un patrimonio naturalistico di inestimabile valore che va difeso, tutelato e tramandato alle generazioni future. Un patrimonio ambientale car[...]

Biodiversità. Il Tasso, un  “piccolo ingegnere”

Biodiversità. Il Tasso, un “piccolo ingegnere”

di Leo Criaco

Tra le varie e numerose specie di mammiferi selvatici presenti nei nostri ambienti, alcune sono poco conosciute e raramente avvistate anche da chi (pastori, escursionisti, “fungiari” ecc.), abitualmente, frequenta le nostre montagne. Queste specie [...]

Biodiversità. Asparagi: erbaggi miracolosi

Biodiversità. Asparagi: erbaggi miracolosi

di Leo Criaco

Mentre la raccolta della cicoria e del tarassaco (crapelliti e marugliaci) volge al termine, quella degli asparagi selvatici si protrae fino a tutto giugno. Da tempi lontani le popolazioni aspromontane raccolgono e consumano, sia fresche sia conser[...]

Biodiversità. Gazza, ladra e spazzina

Biodiversità. Gazza, ladra e spazzina

di Leo Criaco

Negli ultimi decenni la società delle merci e dei consumi ha prodotto sul nostro pianeta guasti ambientali irreparabili e irreversibili che hanno causato, inevitabilmente, la rottura dell’equilibrio biologico con conseguente diminuzione ed estinzio[...]

Biodiversità. Funghi ordinati e pregiati

Biodiversità. Funghi ordinati e pregiati

di Leo Criaco

Nei diversi ambienti del nostro massiccio montano, vivono varie e numerose specie di animali e vegetali. Oltre a questi esseri viventi, a seguito delle piogge e di temperature favorevoli i campi e il sottobosco delle nostre foreste (faggete, pinete[...]

Riconoscere e raccogliere le erbe di montagna

Riconoscere e raccogliere le erbe di montagna

di Leo Criaco

In Italia esistono circa 4 mila specie diverse di piante (erbacee, arbusti, alberi), poco meno della metà, sono presenti anche nei nostri territori. La stragrande maggioranza di queste è composta da piante erbacee. Le popolazioni aspromontane, da t[...]

Biodiversità. Veleni di funghi e

Biodiversità. Veleni di funghi e "fungiari"

di Leo Criaco

Ogni anno in Italia si registrano centinaia di avvelenamenti causati dal consumo di funghi tossici e mortali, per fortuna la stragrande maggioranza si risolve con cure tempestive appropriate e con una degenza, più o meno lunga, in ospedale; solo po[...]

Boschi. Forti come querce

Boschi. Forti come querce

di Leo Criaco

L’Aspromonte ha un patrimonio boschivo di inestimabile valore ambientale che va tutelato, migliorato e sviluppato. Le essenze forestali più diffuse nei nostri ambienti sono il faggio, il pino, l’abete, il castagno e la quercia. Oltre alle suddett[...]

L'intervista. Peperoncino, una grande intuizione

L'intervista. Peperoncino, una grande intuizione

di Bruno Criaco

Paolo Canale, noto imprenditore agricolo, è riuscito senza “incentivi” statali a creare numerosi posti di lavoro proprio ai piedi dell’Aspromonte. Il segreto? Competenza, passione, e le migliori varietà di Capsicum esistenti al mondo   Il peperonci[...]

Biodiversità. Rizzu e Suriciorbu

Biodiversità. Rizzu e Suriciorbu

di Leo Criaco

Negli ultimi decenni, l’uomo nella sua lucida “follia” ha attuato, sul nostro pianeta, politiche di sviluppo distruttive ed inquinanti che, oltre a produrre enormi profitti per pochi e fame e miseria per molti, hanno alterato, in modo irreversibile[...]

Capperi. Germogli preziosi

Capperi. Germogli preziosi

di Leo Criaco

L’Aspromonte è un massiccio montano con una superficie di circa 3000 kmq; sale dalle rive dello Jonio e del Tirreno fino ai 1956 metri di Montalto, occupa la parte terminale dello stivale e si collega all’appennino calabrese con i pianori della Lim[...]

Lo scoiattolo grigio che ci ha fatti neri

Lo scoiattolo grigio che ci ha fatti neri

di Leo Criaco

«I pochi pastori aspromontani rimasti in montagna raccontano che spesso visita i loro jazzi (ovili) e si lascia facilmente avvicinare» Nonostante tutti gli scempi ambientali (dighe, pale eoliche, inquinamenti, cementificazione selvaggia e incendi,[...]

«La pitta china è sfornata». I tanti doni del Sambuco

«La pitta china è sfornata». I tanti doni del Sambuco

di Francesco Tassone

La pitta è una focaccia tipica delle Serre, il cui ingrediente principale é “lu pipi di Maju”, ossia il fiore del sambuco, un arbusto selvatico con generosa fioritura primaverile, che esprime il suo massimo splendore nel mese di maggio. Un’esplosio[...]

Boschi. La vita dei serpenti e il difficile rapporto con l’uomo

Boschi. La vita dei serpenti e il difficile rapporto con l’uomo

di Leo Criaco

  Sul nostro pianeta ogni anno i serpenti causano migliaia di vittime. In natura esistono circa tremila specie, un gran numero (circa mille) uccide le persone e gli animali (prede) inoculando il veleno: altre specie (pitoni, boa e anaconda) prive di[...]

Una montagna vestita di ginestra

Una montagna vestita di ginestra

di Leo Criaco

La montagna, ogni primavera, si addobba e si profuma di ginestra. E il suo popolo, un tempo, sceglieva gli esemplari più forti per iniziarne la lunga lavorazione. Coperte, corde, vertule e abiti di vario genere: uomo e natura vivevano in simbiosi per[...]