La Copertina

Escursioni. Lungo i sentieri di Edward Lear

Escursioni. Lungo i sentieri di Edward Lear

di Giancarlo Parisi

Era ormai un po’ di tempo che non facevo una lunga camminata. Impegni di vario tipo mi hanno assorbi[...]

Calabria verde: e venne il giorno di Mariggiò! A Bovalino

Calabria verde: e venne il giorno di Mariggiò! A Bovalino

di Giuseppe Mammoliti

 In data 25/05/2016, il generale Aloisio Mariggiò, Commissario di “Calabria Verde”, ha visitato gli [...]

Il racconto. Pomodori, schiaffi e carabinieri

Il racconto. Pomodori, schiaffi e carabinieri

di Domenico Luppino

Oltre il cancello appena accostato, c’erano i tre gradini che conducevano alla piccola veranda che s[...]

Palazzo Campanella e il vitello “Calabria”

Palazzo Campanella e il vitello “Calabria”

di Mimmo Musolino

 “Calabria” è il nome che gli hanno dato gli animalisti della LAV di Reggio Calabria, al vitello ucc[...]

Bova. Peppe Musolino e i

Bova. Peppe Musolino e i "birbanti" di Calojero

di Franco Borrello

 Quella mattina mastro Pietro Borrello era andato a Calojero ché lo avevano chiamato per un lavorett[...]

Platì. «É nel voto che si nasconde il segreto della libertà»

Platì. «É nel voto che si nasconde il segreto della libertà»

di Pasquale Catanzariti

Ho accolto con favore la direzione regionale del PD il due giugno 2015 a Platì, non che abbia dubita[...]

Altre copertine

Melito. Don Italo Calabrò e l’abbandono della casa di riposo “Sorriso al tramonto”.

Melito. Don Italo Calabrò e l’abbandono della casa di riposo “Sorriso al tramonto”.

di Mimmo Musolino

 La città di Melito Porto Salvo vanta radicate e prestigiose tradizioni nel campo del volontariato e ciò, molto probabilmente, è dovuto (a quasi 26 anni della morte) all’impronta incancellabile, meritoria ed illustre lasciata su questo territorio, ma[...]

La Calabria si affida alla sorte

La Calabria si affida alla sorte

di Gioacchino Criaco

 Il dramma nostro è Alvaro, oltre che grande in scrittura era un profeta straordinario. Partendo dalle nostre pecche, che conosceva alla perfezione, ci ha anticipato il nostro futuro parecchio tempo fa; fra diari e scritti dispersi ci ha detto pratic[...]

Quando la “dea bendata” o “il bussolotto” decidono la classe dirigente in Calabria!

Quando la “dea bendata” o “il bussolotto” decidono la classe dirigente in Calabria!

di Mimmo Musolino

Immagino con sgomento frammisto a meraviglia un grande “bussolotto” a manovella di quelli usati prima delle estrazioni tecnologiche dei numeri del gioco del lotto campeggiare alle spalle dell’alto scranno della presidenza nel Consiglio Regionale dell[...]

Calabria Verde. Il primo provvedimento del Generale è deludente

Calabria Verde. Il primo provvedimento del Generale è deludente

di Giuseppe Mammoliti

É il classico atto elaborato sulla carta senza ragionare sulle competenze e preparazione dei vari addetti. É successo che il generale ha nominato dei direttori dei lavori basandosi sul fatto che i designati abbiano il livello "D" o equipollente.Ci si[...]

Credenze popolari, come si “sciumicava”  una volta

Credenze popolari, come si “sciumicava” una volta

di Franco Blefari

Le credenze popolari hanno sempre guardato con molto interesse al mondo dell’occulto, conferendo agli esperti nell’arte dello scongiuro, che conoscevano molto bene i segreti della magia bianca, un’aureola divinatoria. Non si spiega diversamente, infa[...]

Nino Martino Cacciadiavoli, bandito o “Riequilibratore della ricchezza”?

Nino Martino Cacciadiavoli, bandito o “Riequilibratore della ricchezza”?

di Giuseppe Pentimalli

È storicamente accertato che Nino Martino, noto con il nomignolo Cacciadiavoli, a partire dal 1570 e per almeno 15 anni cominciò “a battere la campagna [...] intorno all’Aspromonte”. Nel 1576, mentre a Reggio Calabria infieriva la peste, Nino Martino[...]

Favoritismi e preferenze. Il

Favoritismi e preferenze. Il "sistema mafioso"

di Bruno Salvatore Lucisano

Ci sono forme di abuso, di prevaricazione e di prepotenza che, tolte le armi, quelle vere, sono assimilabili ai sistemi mafiosi. E seppur non si possono annoverare tra i mafiosi le persone che compiono questi atti e favoriscono tali comportamenti, si[...]

Giornalisti d'azione. Dopo il successo del primo workshop, in arrivo il secondo su Iphone e Social

Giornalisti d'azione. Dopo il successo del primo workshop, in arrivo il secondo su Iphone e Social

di redazione

Giornalismo. Concluso, con successo, il primo corso di “Giornalisti d’Azione”. E, intanto, sta per cominciare un altro workshop. Stavolta di scena Iphone e piattaforme social. «Sarà superfluo dirlo, ma le immagini, nel giornalismo televisivo, hanno u[...]

La riflessione. Locride nella cacca

La riflessione. Locride nella cacca

di Giuseppe Mammoliti

 Locride nella cacca (letteralmente) a volte per l’inefficienza e incompetenza del servizio tecnico dei Comuni e, molto più spesso, per la cronica distrazione dei politici locali incapaci di parlare con una sola voce a difesa del territorio della Loc[...]

Cinema. Thodoros Anghelopulos, il regista che creò lo stile “circolare”

Cinema. Thodoros Anghelopulos, il regista che creò lo stile “circolare”

di Giovanni Scarfò

Il mio amico Maurizio è stato uno dei primi studenti calabresi a scegliere la via del Dams, a Bologna, nato grazie ad una intuizione di Umberto Eco.Si è laureato con una tesi sul film O Thiasos (La Recita) di Thodoros Anghelopulos, uno dei film che p[...]

Canolo. “Timpe di Mutolo”, le Dolomiti del Sud

Canolo. “Timpe di Mutolo”, le Dolomiti del Sud

di Giancarlo Parisi

La straordinaria ecletticità del paesaggio aspromontano si manifesta e si conferma continuamente, ovunque ci si trovi a girovagare. Non fa eccezione la zona orientale nei pressi del vecchio abitato di Canolo, a monte di Siderno, che ospita alcune tra[...]

Il racconto. La notte degli “spirdi”

Il racconto. La notte degli “spirdi”

di Franco Borrello

Senza luna era la notte e senza stelle e tempestosa pure, e le preghiere e le bestemmie andavano per niente. Un buio fitto come nelle viscere dell’inferno. Quell’inferno dove il cornuto del diavolo aveva raschiato le caldaie della pece e col negrofum[...]

«Hanno distrutto la Sanità, grazie all'acquiescenza

«Hanno distrutto la Sanità, grazie all'acquiescenza "supina" della classe politica locale»

di Mimmo Musolino

Per uscire dalle sabbie mobili che hanno inghiottito la Sanità pubblica sono necessarie delle mirate, prioritarie e fattibili direttrici di sviluppo di grande impatto economico-sociale che coinvolgano tutto il territorio.Al punto in cui si sono ormai[...]

L'analisi. Non vendicatevi di Platì

L'analisi. Non vendicatevi di Platì

di Gioacchino Criaco

Sono molti i dispiaceri che Platì ha dato a molti. É quello che non ti aspetti, che di norma non accade; è il toro che, nonostante le botte rimediate nelle segrete dell’arena, quelle che gli rifilano i picadores al suo ingresso nel campo di battaglia[...]

"Tra terra e ndrini", la nuova raccolta di Bruno Salvatore Lucisano

di redazione

Terra e Ndrini è l’ultima fatica letteraria di Bruno Salvatore Lucisano, una nuova raccolta di poesie in dialetto calabrese che accentua il pessimismo di Bruno e lo allontana da componimenti precedenti, in cui, pur nella sferzante critica di usi e co[...]

«Sant'Agata, è tempo di cambiare». Intervista a Domenico Stranieri, candidato a sindaco

«Sant'Agata, è tempo di cambiare». Intervista a Domenico Stranieri, candidato a sindaco

di Antonella Italiano

I giovani se ne stanno andando, lasciano l’Italia e l’Aspromonte. Non c’è lavoro, non c’è futuro. Mario Draghi ha detto che, a causa della disoccupazione, si rischia di perdere “una generazione”. Eppure c’è sempre qualcuno che va in controtendenza, q[...]

Mancate elezioni San Luca. Si aprirà anche qui il teatrino della politica-spettacolo?

Mancate elezioni San Luca. Si aprirà anche qui il teatrino della politica-spettacolo?

di Mimmo Musolino

 Chi sarà e da dove verrà il/la nuovo/a messia, che importerà la Democrazia a San Luca e ne salverà l’onore costituzionale e l’ansia di libertà dei compaesani di Corrado Alvaro? Avendo, San Luca, acquisito il non positivo primato di essere il solo Co[...]

La riflessione. Chi ha paura di “U Pakistan”?

La riflessione. Chi ha paura di “U Pakistan”?

di Rocco Palamara

A breve, il 24 maggio, la Cassazione metterà forse fine alla lunga vicenda giudiziaria di Francesco Pelle detto “U Pakistan”, accusato di essere il mandante della tragica “strage di Natale” di San Luca che sarebbe causa di quella più clamorosa a Duis[...]

Bova. Vopa, la favola  di zia Polituzza

Bova. Vopa, la favola di zia Polituzza

di Franco Borrello

 Vopa non era ubbidiente come il piccolo Francuccio a cui la  zia Polituzza Borrello, dopo averlo baciato tra i capelli per timore di sciupargli il faccino, stava raccontando la favola.No, non era per niente una bambina ubbidiente Vopa e glieli facev[...]

Il progetto dei ragazzi di Platì e la vittoria, odierna, della Democrazia

Il progetto dei ragazzi di Platì e la vittoria, odierna, della Democrazia

di Antonella Italiano

Conosco ragazzi e uomini di Platì che non parlano mai di elezioni, e che di elezioni non vogliono sentire parlare. Neanche rispondere a domanda diretta. Sono persone stanche delle sfilate dei politici e delle strumentalizzazioni che ne seguono, e di [...]

Boschi d’Aspromonte (le risposte dell’esperto)

Le biodiversità. Boschi di more, fragole e lamponi

Le biodiversità. Boschi di more, fragole e lamponi

di Leo Criaco

   Nelle foto: le more selvatiche, i lamponi e le fragole selvatiche Quando le campagne e le montagne dell’Aspromonte erano ancora popolate, le nostre popolazioni aspettavano con gioia e speranza la maturazione e la raccolta della frutta (mele, per[...]

L’Amendolea, il fiume degli antichi greci

L’Amendolea, il fiume degli antichi greci

di Leo Criaco

Una delle caratteristiche più salienti del nostro massiccio montano è la presenza (specialmente sul versante orientale) di numerose e meravigliose fiumare che solcano e modellano i nostri territori. Le fiumare sono dei corsi d’acqua lunghi poche de[...]

Biodiversità. Gli

Biodiversità. Gli "zzinurri", i carciofini selvatici

di Leo Criaco

Ogni anno, a partire dalla seconda decade di aprile le nostre rigogliose campagne, soprattutto quelle dell’Area grecanica e della bassa Locride (fascia costiera e collinare compresa tra le fiumare Amendolea e Bonamico) diventano meta continua di un[...]

Biodiversità. Le orchidee, “gioielli” da non toccare

Biodiversità. Le orchidee, “gioielli” da non toccare

di Leo Criaco

L’Aspromonte, grazie alla sua particolare conformazione topografica e morfologica, ha conservato nel tempo un patrimonio naturalistico di inestimabile valore che va difeso, tutelato e tramandato alle generazioni future. Un patrimonio ambientale car[...]

Biodiversità. Il Tasso, un  “piccolo ingegnere”

Biodiversità. Il Tasso, un “piccolo ingegnere”

di Leo Criaco

Tra le varie e numerose specie di mammiferi selvatici presenti nei nostri ambienti, alcune sono poco conosciute e raramente avvistate anche da chi (pastori, escursionisti, “fungiari” ecc.), abitualmente, frequenta le nostre montagne. Queste specie [...]

Biodiversità. Asparagi: erbaggi miracolosi

Biodiversità. Asparagi: erbaggi miracolosi

di Leo Criaco

Mentre la raccolta della cicoria e del tarassaco (crapelliti e marugliaci) volge al termine, quella degli asparagi selvatici si protrae fino a tutto giugno. Da tempi lontani le popolazioni aspromontane raccolgono e consumano, sia fresche sia conser[...]

Biodiversità. Gazza, ladra e spazzina

Biodiversità. Gazza, ladra e spazzina

di Leo Criaco

Negli ultimi decenni la società delle merci e dei consumi ha prodotto sul nostro pianeta guasti ambientali irreparabili e irreversibili che hanno causato, inevitabilmente, la rottura dell’equilibrio biologico con conseguente diminuzione ed estinzio[...]

Biodiversità. Funghi ordinati e pregiati

Biodiversità. Funghi ordinati e pregiati

di Leo Criaco

Nei diversi ambienti del nostro massiccio montano, vivono varie e numerose specie di animali e vegetali. Oltre a questi esseri viventi, a seguito delle piogge e di temperature favorevoli i campi e il sottobosco delle nostre foreste (faggete, pinete[...]

Riconoscere e raccogliere le erbe di montagna

Riconoscere e raccogliere le erbe di montagna

di Leo Criaco

In Italia esistono circa 4 mila specie diverse di piante (erbacee, arbusti, alberi), poco meno della metà, sono presenti anche nei nostri territori. La stragrande maggioranza di queste è composta da piante erbacee. Le popolazioni aspromontane, da t[...]

Biodiversità. Veleni di funghi e

Biodiversità. Veleni di funghi e "fungiari"

di Leo Criaco

Ogni anno in Italia si registrano centinaia di avvelenamenti causati dal consumo di funghi tossici e mortali, per fortuna la stragrande maggioranza si risolve con cure tempestive appropriate e con una degenza, più o meno lunga, in ospedale; solo po[...]

Boschi. Forti come querce

Boschi. Forti come querce

di Leo Criaco

L’Aspromonte ha un patrimonio boschivo di inestimabile valore ambientale che va tutelato, migliorato e sviluppato. Le essenze forestali più diffuse nei nostri ambienti sono il faggio, il pino, l’abete, il castagno e la quercia. Oltre alle suddett[...]

L'intervista. Peperoncino, una grande intuizione

L'intervista. Peperoncino, una grande intuizione

di Bruno Criaco

Paolo Canale, noto imprenditore agricolo, è riuscito senza “incentivi” statali a creare numerosi posti di lavoro proprio ai piedi dell’Aspromonte. Il segreto? Competenza, passione, e le migliori varietà di Capsicum esistenti al mondo   Il peperonci[...]

Biodiversità. Rizzu e Suriciorbu

Biodiversità. Rizzu e Suriciorbu

di Leo Criaco

Negli ultimi decenni, l’uomo nella sua lucida “follia” ha attuato, sul nostro pianeta, politiche di sviluppo distruttive ed inquinanti che, oltre a produrre enormi profitti per pochi e fame e miseria per molti, hanno alterato, in modo irreversibile[...]

Capperi. Germogli preziosi

Capperi. Germogli preziosi

di Leo Criaco

L’Aspromonte è un massiccio montano con una superficie di circa 3000 kmq; sale dalle rive dello Jonio e del Tirreno fino ai 1956 metri di Montalto, occupa la parte terminale dello stivale e si collega all’appennino calabrese con i pianori della Lim[...]

Lo scoiattolo grigio che ci ha fatti neri

Lo scoiattolo grigio che ci ha fatti neri

di Leo Criaco

«I pochi pastori aspromontani rimasti in montagna raccontano che spesso visita i loro jazzi (ovili) e si lascia facilmente avvicinare» Nonostante tutti gli scempi ambientali (dighe, pale eoliche, inquinamenti, cementificazione selvaggia e incendi,[...]

«La pitta china è sfornata». I tanti doni del Sambuco

«La pitta china è sfornata». I tanti doni del Sambuco

di Francesco Tassone

La pitta è una focaccia tipica delle Serre, il cui ingrediente principale é “lu pipi di Maju”, ossia il fiore del sambuco, un arbusto selvatico con generosa fioritura primaverile, che esprime il suo massimo splendore nel mese di maggio. Un’esplosio[...]

Boschi. La vita dei serpenti e il difficile rapporto con l’uomo

Boschi. La vita dei serpenti e il difficile rapporto con l’uomo

di Leo Criaco

  Sul nostro pianeta ogni anno i serpenti causano migliaia di vittime. In natura esistono circa tremila specie, un gran numero (circa mille) uccide le persone e gli animali (prede) inoculando il veleno: altre specie (pitoni, boa e anaconda) prive di[...]

Una montagna vestita di ginestra

Una montagna vestita di ginestra

di Leo Criaco

La montagna, ogni primavera, si addobba e si profuma di ginestra. E il suo popolo, un tempo, sceglieva gli esemplari più forti per iniziarne la lunga lavorazione. Coperte, corde, vertule e abiti di vario genere: uomo e natura vivevano in simbiosi per[...]

L'Inula Vischiosa: L'alleata degli ulivi

L'Inula Vischiosa: L'alleata degli ulivi

di Angelo Canale

«Questa specie vegetale garantisce lo svernamento di un insetto parassita delle larve della temibile mosca delle olive, vero flagello della olivicoltura calabrese» L'enula bacicci o inula vischiosa o inula (foto sopra) è una pianta a portamento ce[...]

La lunga via dell'Aposcipo-La Verde

La lunga via dell'Aposcipo-La Verde

di redazione

servizio di LEO CRIACO L’Aspromonte è ricco d’acqua, che pulsa nelle sue numerose fiumare. Silenziosi specchi turchesi nelle stagioni calde, temibili furie in agguato con l’arrivo delle piogge autunnali L’Aspromonte è uno dei massicci montani più[...]